fbpx

RSA in ascolto per una nuova prospettiva di vita

È possibile una vita “di qualità” nonostante lo scorrere degli anni?

Questa è una domanda alla quale dieci persone darebbero dieci risposte diverse. Per noi dello staff della RSA di Casalbuttano, la risposta è sì.

Noi constatiamo quotidianamente, quanto il passare degli anni, sebbene porti con sé la perdita di molte capacità motorie, sensoriali e cognitive, lasci inalterato il desiderio degli anziani di “vivere bene” e di fare nuove esperienze.

Dentro di noi, il bisogno di una vita piena rimane a tutte le età

Certo, nel tempo deve sempre più fare i conti con le energie che vanno diminuendo e con varie problematiche. Ciò non toglie che, nel giovane come nell’anziano, una vita di qualità non si possa misurare con gli anni, ma con le aspettative nei confronti della vita, con i progetti, i ruoli e le relazioni significative all’interno di una comunità o di una famiglia.

Gruppo di signore anziane

Un nuovo equilibrio di vita

Essere anziani non vuol dire accontentarsi della propria condizione perché “non ci si può far niente”, o perché si pensa di non essere in grado di fare diversamente”, ma significa ridisegnarsi all’interno di una vita che può e deve essere ancora di qualità. Le limitazioni cognitive e fisiche non devono essere un punto di arrivo, ma un punto di partenza per reinventarsi, anche grazie all’aiuto, gli stimoli e il supporto che una RSA offre.

Raccontarsi per riscoprirsi

È proprio nell’intento di aiutare gli anziani a reinventarsi, e a vincere il senso di inutilità che alle volte vivono, che noi dello staff di Fondazione, in collaborazione con l’Associazione Argilla, abbiamo dato il via al progetto “Come pagine di un libro”, per stimolare negli ospiti l’emotività e il racconto della propria storia a partire dalla lettura di libri. Il racconto di sé può, infatti, condurre gli anziani, e non solo, a ritrovarsi e riscoprirsi nel presente, passando dall’ “IO ERO” all’ “IO SONO” in una vita ricolma di significato.

RSA, un luogo di ascolto dei bisogni degli anziani

Tutti noi dell’RSA di Casalbuttano facciamo il possibile per offrire ai nostri anziani, non solo l’assistenza sanitaria di cui necessitano, ma anche il supporto e l’accompagnamento in questa fase delicata della loro vita. La RSA diventa quindi un luogo “in ascolto” dei bisogni unici e imprescindibili di ciascun ospite.

Per questo abbiamo avviato un progetto, in collaborazione con una tirocinante di neuropsicologia dell’Università di Padova, per capire meglio la qualità di vita percepita dai nostri ospiti, così da individuare margini di miglioramento e costruire un’offerta ancora più vicina alle loro esigenze.

Il nostro sogno è che l’RSA diventi la loro nuova casa per una vita qualitativamente appagante e stimolante.