fbpx

Rimanere in forma anche da anziani (seconda parte)

Oggi vorremmo parlarvi di alcune proposte per mantenere una buona qualità di vita nel tempo.

Come vi abbiamo raccontato nel precedente articolo, è importante per tutti noi, e in particolare modo per gli anziani, coltivare un vivo interesse verso la vita, curiosità e desiderio di imparare, per vincere una certa propensione all’abbandono di noi stessi.

“Qualità di vita” questo è il nostro riferimento quando parliamo di anziani, il nostro impegno quotidiano e la nostra priorità. Ma cosa significa parlare di qualità nella vita? Come si collega questa con il rimanere in forma?

La qualità di vita, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è la percezione che le persone hanno della propria collocazione nella vita, in riferimento al contesto culturale, al proprio sistema di valori, ai propri obiettivi, aspettative ed interessi. Parliamo, dunque, di un concetto che coinvolge tanti ambiti:

  • benessere fisico;
  • benessere psicologico;
  • livello di indipendenza;
  • relazioni sociali;
  • ambiente;
  • credenze personali/la spiritualità;

un concetto che riguarda, in ciascuno di noi, una dimensione soggettiva che cambia nel tempo.

Come ci siamo detti nel precedente articolo, la nostra è una popolazione che vede un graduale allungamento della vita, e questo ci porta a riflettere su come “gestire” l’invecchiamento.

Attività fisica

Uno degli strumenti per gestire l’invecchiamento è l’attività fisica. Essa ha un ruolo fondamentale nel preservare la nostra salute e, inoltre, è di grande aiuto per migliorare l’umore e ridurre l’ansia.

Ecco alcune semplici proposte:

camminata in città o in campagna: quando il corpo lo permette, è l’attività alla portata di tutti, non richiede attrezzature, né esborsi di denaro. Camminare rafforza le articolazioni, favorisce il tono muscolare ed aiuta il sistema cardiovascolare. Come in tutte le cose, occorre, tuttavia, buon senso e gradualità, così da godere di tutti i benefici di due passi quotidiani;

ginnastica dolce: una tecnica, fatta di movimenti lenti e graduali, attenta alla respirazione e capace di adattarsi alle esigenze di chi non è uno sportivo. Non richiede sforzi particolari, anzi è rispettosa della condizione fisica di ciascuno. Un’attività che ha un limitato impatto cardio-circolatorio ma con notevoli benefici sul tono muscolare, su una maggiore flessibilità-elasticità e sulla correzione della postura. Anche se “dolce”, vi parliamo di una disciplina da seguire senza esagerare, con attenzione ai propri limiti e con il supporto di professionisti.

Attività fisica anziani

Attività fisica e felicità

Quando parliamo di qualità della vita parliamo anche di benessere interiore, di uno stato di serenità e fiducia possibile a tutte le età.

A tal proposito, non possiamo non parlare degli effetti benefici dell’attività fisica sull’umore e sugli stati ansiosi e depressivi.
Il buon umore è sicuramente uno degli effetti collaterali dell’attività fisica, in quanto essa stimola la produzione di endorfine e serotonina, un ormone neurotrasmettitore che migliora lo stato di serenità.

L’attività fisica contrasta lo stress e supporta il nostro cervello emotivo: basti pensare che spinge la persona anziana ad uscire di casa e ad incontrare altre persone. Essa, inoltre, può:

  1. migliorare la funzione cardiovascolare, sia nei soggetti più giovani che in quelli più anziani;
  2. prevenire l’eccesso di peso a tutto vantaggio dell’autostima;
  3. rendere più efficace la risposta ormonale allo stress;
  4. ridurre la risposta infiammatoria e ritardare l’invecchiamento del sistema immunitario;
  5. aiutare ad interrompere uno stile di vita caratterizzato da abitudini poco salutari;
  6. migliorare l’umore e le funzioni cognitive: l’attività fisica favorisce la produzione di irisina, che è uno dei mediatori in grado di preservare la memoria.

Ora che abbiamo trattato alcuni spunti per capire meglio il rapporto tra movimento e felicità, non ci resta che indossare delle scarpe comode e uscire. E quando la nostra condizione non ci consente di camminare agevolmente, possiamo farci seguire da un professionista per rimanere in forma con movimenti dolci pensati appositamente per noi.