RSA

La modalità di ammissione nella RSA è differente a seconda della residenza dell’Utente.

Accesso alla struttura per i residenti nell’ASST di Cremona

La domanda di accesso alla struttura residenziale va presentata attraverso l’Assistente sociale del Comune di residenza. La lista d’attesa viene compilata on line a livello provinciale sulla base di criteri sociali e sanitari.

A parità di priorità stabilita da AST l’ammissione viene effettuata tenendo conto dei seguenti criteri:

  • appropriatezza del servizio rispetto ai bisogni dell’Ospite da valutarsi attraverso la relazione dell’Assistente sociale o visita di pre-ingresso;
  • segnalazione da parte dell’assistente sociale;
  • residenza nel comune di Casalbuttano;
  • coniuge o parente già Ospite del CDI.

Ne consegue una lista di priorità d’ingresso aggiornata e registrata in forma elettronica dall’URP.

Accesso alla struttura per i non residenti nell’ASST di Cremona

L’accesso avviene attraverso la richiesta da parte di persone ultrasessantacinquenni, in forma diretta all’Ufficio Amministrativo. Sempre in subordine all’espresso consenso della persona da accogliere nella struttura, la domanda può avvenire per il tramite di un familiare o del Servizio Sociale del Comune di residenza. La domanda d’ingresso sarà completata da una scheda sanitaria compilata dal Medico curante; la scheda riporterà la condizione psicofisica e comportamentale del candidato nonché la terapia in atto.

La domanda, dopo essere vagliata dal Responsabile Sanitario, sarà inserita nella lista di attesa per utenti non residenti ed evasa all’esaurimento della lista degli Ospiti con diritto di precedenza sulla base degli stessi criteri segnalati per i residenti nell’ATS di Cremona: valutazione di appropriatezza sanitaria del posto vacante da parte della DSM, di segnalazione d’urgenza da parte degli assistenti sociali, data di presentazione   della domanda                                                                                                   

CDI

La richiesta può essere inoltrata dall’interessato o da un suo familiare all’Ufficio Amministrativo della Fondazione mediante la compilazione di un modulo articolato in una parte sanitaria, da compilarsi da parte del Medico di Medicina Generale, ed in una sociale, da compilarsi da parte dell’Assistente Sociale del Comune di residenza del richiedente. La domanda di partecipazione viene esaminata in seguito ad un colloquio dell’interessato con il Coordinatore del Centro. L’equipe multidisciplinare del CDI (Medico/Coordinatore, Educatore del CDI, Infermiere Professionale, ASA) ne valuterà l’ammissibilità e qualora idoneo il richiedente verrà immediatamente accolto. Nel caso in cui non vi fossero posti disponibili l’Utente verrà inserito in lista d’attesa in ordine cronologico secondo la data di presentazione.

ADI

Al servizio cure domiciliari si accede con l’impegnativa del Medico di Medicina Generale che deve essere consegnata agli Uffici dell’ASST – CeAD CREMONA Via S. Sebastiano, 14 Cremona Tel. 0372/497800 – per l’emissione del voucher, successivamente all’effettuazione della valutazione multiprofessionale da parte dell’ASST. I dati relativi alla valutazione vengono riportati sulla scheda “VOUCHER”, che viene consegnata al cittadino fruitore di cure domiciliari, per la trasmissione all’ente erogatore di cure domiciliari che erogherà le prestazioni assistenziale previste (attività infermieristiche, riabilitative, educative e di supporto alle attività sanitarie) entro 72 ore dalla presa in carico.

RSA APERTA

Il cittadino interessato alla misura o un suo famigliare deve presentare la richiesta direttamente alla RSA (Fondazione Ospedale della Carità) in Casalbuttano, oppure alla Cosper s.c.s in Cremona.

Entro 5 giorni lavorativi, avviene la verifica dei requisiti di incompatibilità.  La misura è incompatibile con altre misure e/o interventi regionali e/o altri servizi o unità d’offerta della rete sociosanitaria eccezion fatta per interventi di tipo ambulatoriale e per le prestazioni occasionali o continuative in ADI.

In caso di verifica positiva dei requisiti di accesso, entro 10 giorni lavorativi si effettua la valutazione multidimensionale al domicilio della persona, assicurando, ove necessario, i raccordi territoriali con il MMG e i Servizi Sociali del Comune.