Il Giardino che guarisce

Healing Garden (giardino che guarisce) è un componente fondamentale di un progetto edilizio sanitario, in quanto ha esso stesso valore terapeutico: stimola l’interazione tra l’ospite e il mondo esterno, allevia lo stress, i sintomi fisici, e provoca un senso generale di benessere.

Per quanto riguarda il giardino terapeutico della RSA di Casalbuttano sono stati presi in considerazione i seguenti principi di progettazione:

  1. a) varietà di spazi: fornendo varietà di spazi al paziente vengono date possibilità di scelta, permettono l’aggregazione in gruppo per la socializzazione e lo svago. Nel giardino sono stati installati sette gazebi dotati di sedie, poltrone, divani e tavolo. Gli spazi sono stati equamente divisi in quanto è stato preso in considerazione il grado di illuminazione solare, perché alcuni ospiti possono reagire negativamente alla esposizione diretta alla luce solare mentre altri preferiscono stare al sole.
  2. b) prevalenza di materiale verde: le piante che sono state usate, attraverso i colori delle foglie, delle cortecce e delle fioriture, creano uno spettacolo durante tutte le stagioni dell’anno.
  3. c) incoraggiare l’esercizio: il giardino incoraggia a camminare come forma di esercizio. Nel giardino la morfologia del terreno è in parte pianeggiante con zone in leggera pendenza; la struttura prevede percorsi dolcemente sinuosi in calcestruzzo liscio colorato di rosso, tutti dotati di corrimano, che formano un anello attorno alla vasca centrale e sono affiancati da una vegetazione che in maniera armonica degrada dagli alberi al tappeto erboso.
  4. d) fornire distrazioni positive: oltre alle piante e ai fiori, sono stati installati giochi d’acqua. Il giardino terapeutico si sviluppa attorno a tre grandi vasche posizionate a diverse altezze e continuamente alimentate da una cascata.
  5. e) ridurre al minimo le intrusioni: fattori negativi come ad esempio rumore urbano, il fumo, e l’illuminazione artificiale sono minimizzati all’interno del giardino attraverso l’uso di piante rampicanti lungo la recinzione e l’uso di alberi ad alto fusto posizionati lungo il perimetro del giardino.

f) ridurre al minimo le possibilità di creare confusione: nel giardino il percorso è stato creato ad anello con poche intersezioni, proprio per evitare di creare confusione negli ospiti. Sono state inserite specie di piante evocative in grado di riportare alla memoria gli orti e i giardini che gli anziani coltivavano nelle case.

Il nuovo Healing Garden